339 7331789

 

 

 

 

 

 

20 gennaio – 25 febbraio 2018  

Palabam – Area Polivalente in Via Melchiorre Gioia 3, Mantova

 

Il programma

Torna il 20 gennaio con una veste completamente rinnovata “Il Festival della Cucina mantovana”. La kermesse quest’anno, oltre ad offrire piatti tipici della cucina mantovana, preparati da Associazioni gastronomiche del territorio, ospiterà una vasta area fiera -mostra-mercato.

La sesta edizione del Festival, che si terrà al Palazzetto dello Sport di Mantova (via Melchiorre Gioia 3 – area Polivalente), è un appuntamento imperdibile per tutti coloro che amano i gusti, le tradizioni e la buona tavola, che, per sei settimane (dal 20 gennaio al 25 febbraio) tutti i fine settimana il sabato a cena e la domenica a pranzo e cena, potranno gustare i piatti preparati con cura e amore dalle Associazioni che cucineranno primi piatti tipici della zona che rappresentano.

Affiancano i primi, una vasta gamma di secondi: stinco, costine, stracotto, luccio in salsa, polenta e funghi, grana e mostarda, spalla, formaggi e molte novità come il tirabega e altre ancora, dolci e vini tipici mantovani accuratamente scelti e selezionati dall’Organizzazione.

Inoltre, in uno spazio allestito ad hoc, saranno in esposizione e si potranno acquistare le eccellenze gastronomiche delle Associazioni ospitate oltre ad avere informazioni sui prodotti, le specialità, le tradizioni e le feste. Al Festival, anche quest’anno, non mancheranno iniziative per i bambini: gonfiabili e baby dance (tutti i sabati alle ore 20.00) infatti allieteranno i più piccoli. Sempre il sabato, dalle 22.30, gli adulti, gratuitamente, potranno recarsi nella sala “Gusto” e ascoltare i grandi DJ Afro, funky e disco che si alterneranno alla consolle.  Ma il “Festival della cucina mantovana” non è solo questo. Tutte le domeniche infatti, a pranzo e a cena, si svolgeranno eventi, animazioni, balli, dimostrazioni ed esibizioni sportive organizzate da Associazioni sportive e ricreative del territorio, oltre al consueto torneo di calcetto Mantovanito e al concorso di disegno per i più piccoli.

 

Giorni e orari

Ogni sabato a cena e ogni domenica a pranzo e a cena.

Orari:
Sabato:
cena dalle ore 19.00
Domenica: pranzo dalle ore 11.00, cena dalle ore 18.30

 

SABATO 20 E DOMENICA 21 GENNAIO

RISOTTI DI RISAIA – Associazione ASC di Castelbelforte 

Sarà il riso, prodotto deccellenza del Mantovano, il primo piatto che aprirà la kermessse. LAssociazione di Castelbelforte cucinerà risotti di risaia: saltarei, pesciolino, pesce gatto, rane. Una cucina semplice che delizierà i palati dei più golosi. Non mancherà il riso alla Pilota, piatto tipico del mantovano, che ha origine dal nome dialettale dei braccianti delle riserie: infatti, le riserie sono dette “pile” e i “piloti” o “pilarini” erano appunto coloro che vi lavoravano. Visto che il lavoro nelle “pile” si svolgeva in modo continuato non c’era molto tempo da dedicare alla preparazione del pranzo e questa tecnica permetteva di cuocere il riso senza che fosse necessario seguirne la cottura. Al termine di il riso viene condito con il pistume, anche se in origine il condimento era molto più semplicemente un soffritto di cipolla.

SABATO 10 E DOMENICA 11 FEBBRAIO

MACARUN COL STRACOT E AGNOLI – Polisportiva D. Borgo Virgilio

I macarun col stracot sono una particolarità culinaria che si propone di mantenere la tipicità e la tradizione della cucina delle vecchie osterie. I macarun al torchio saranno conditi con uno stracotto fatto alla vecchia maniera come lo facevano le nostre nonne. Non mancheranno però gli agnoli, uno dei capisaldi della cucina mantovana, quella delle festività e delle occasioni importanti. La tradizione mantovana vuole che vengono consumati il giorno di Natale nel brodo di carne di cottura e in sorbir dagnoli, con aggiunta abbondante di formaggio grana. Il sorbir, al quale viene aggiunto del vino rosso, generalmente Lambrusco, rappresenta lapertura al pranzo natalizio. La Polisportiva D. Borgo Virgilio li preparerà conditi con burro fuso e con pomodoro e salsiccia.

SABATO 27 E DOMENICA 28 GENNAIO

BIGUI CON LI SARDELI E RISOTTO ZUCCA E SALSICCIA– Associazione polisportiva San Giorgio ’90 e Risosteria Mantovana

LAssociazione polisportiva San Giorgio 90 preparerà i bigoli, in dialetto mantovano bigui, spaghetti grossi fatti a mano o al torchio, che nella cucina mantovana vengono conditi con le sardelle, la cipolla e lolio. Oltre a questo tipico piatto del territorio, si potrà gustare un ottimo riso di zucca e salsiccia. Una ricetta che sa di calore, di famiglia, di connubio tra buona tavola e buon cibo. Il piatto è tipicamente autunnale, in questa stagione infatti si possono trovare zucche meravigliose dai sapori intensi e dai colori caldi. L’abbinamento con la salsiccia poi fa il resto, nasce così un primo piatto di grande effetto e di ottimo impatto.

SABATO 17 E DOMENICA 18 FEBBRAIO

TORTELLI DI ZUCCA E RISOTTO LAMBRUSCO E SALSICCIA – Centro sociale Quistellese

I tortelli di zucca mantovani sono uno dei piatti più rappresentativi e ricchi della cucina italiana, eppure, questi tortelli così ricchi nascono dalla necessità di mangiare di magro il venerdì, ma soprattutto di riciclare gli avanzi della cucina. Proprio per questo motivo nasce un accostamento azzardato, che vede il dolce con il salato, in questo caso la mostarda, gli amaretti e la zucca uniti al formaggio Parmigiano. Un perfetto equilibrio tra dolcezza e sapidità che rende unici questi tortelli, realizzati con i quattro ingredienti più tipici del territorio mantovano. Accanto ai tortelli si potrà gustare un ottimo risotto Lambrusco e salsiccia, un risotto da valle, proveniente da zone un tempo paludose e poi diventate fertili. Maiale, lambrusco, burro e formaggio, alimenti tipici del territorio mantovano, per realizzare un piatto che mantiene la caratteristica rustica e saporita di un risotto particolare.

SABATO 3 E DOMENICA 4 FEBBRAIO

TORTELLO AMARO, CAPUNSEL E RISOT MENA’– Pro Loco Castel Goffredo e Confraternita del Capunsel Solferino

Il Tortello amaro di Castel Goffredo è un tipo di pasta ripiena simile al raviolo ed è un prodotto agroalimentare tradizionale riconosciuto da Regione Lombardia come tipico del territorio. È così chiamato per la presenza nel ripieno della balsamita, un’erba aromatica localmente chiamata erba amara, detta anche erba di San Pietro. Ancora oggi, a giugno, a Castel Goffredo si svolge la tradizionale “Festa del tortello amaro di Castel Goffredo”. Oltre ai tortelli si potranno assaporare i capunsei (termine dialettale che significa piccolo cappone). La loro storia locale e si rifà allesperienza del borgo con il suo primo principe, Orazio Gonzaga, Principe, Marchese e Signore di Solferino. Detti anche gnocchi di pane, sono un tipico prodotto della tradizione contadina mantovana, molto sostanzioso, che può essere consumato in brodo o asciutto e condito con burro fuso o ragù. Dopo la seconda guerra mondiale, il capunsel cominciò ad essere servito anche nelle osterie e nei ristoranti. A Solferino vengono cucinati con una variante: cioè l’aggiunta di amaretti sbriciolati all’impasto. Ma non mancherà il risot menà, un risotto vero e proprio, sempre con la salsiccia, ma morbido e mantecato. Un piatto di antica e consolidata tradizione.

SABATO 24 E DOMENICA 25 FEBBRAIO

Riso alla pilota De. Co. E risotto alla villimpentesE – Pro Loco Castel d’Ario e Comitato Villimpenta

Per la prima volta nella stessa cucina Castel dArio e Villimpenta, da sempre rivali, per una vera e propria sfida allultimo risotto. Una rivalità che andrà a vantaggio dei buongustai perché le due Associazioni si ciminteranno nella preparazione del risotto migliore rispetto agli avversari. La competizione tra i due Paesi ha però origini antiche e sarebbe nata dalla costruzione della ferrovia. Si risale al XIX secolo, quando venne costruita la linea Mantova-Monselice e si doveva scegliere se passare da Castel dArio o Villimpenta. A vincere fu Castel dArio, da qui linizio delle ostilità”.  In questo ultimo appuntamento sarà decretato il vincitore della “Sfida dei risotti” selezionato da una Giuria popolare e da una Giuria di qualità, composta da esperti e giornalisti.